Bruciaincenso giapponese in ceramica con motivo pesca, MOMO, 8,5 x 11 cm

215,00 €

Bruciaincenso giapponese in ceramica con motivo pesca, MOMO, 8,5 x 11 cm

Tempi di consegna :

  • Da 1 a 3 giorni lavorativi per Francia, Belgio e Svizzera.
  • Da 3 a 5 giorni lavorativi per gli altri paesi europei
  • Da 3 a 5 giorni lavorativi per gli altri paesi via DHL

Questo articolo viene spedito dal nostro magazzino in Francia.

È possibile restituire o cambiare un articolo entro 14 giorni dalla ricezione dell'ordine. Per ulteriori informazioni, consultare la nostra Politica di restituzione

Larghezza 8.5 cm
Lunghezza 8.5 cm
Composizione ceramica
Condizionata Confezionato in una scatola di legno
Origine del prodotto Prodotto in Giappone
Altezza 11 cm

Foglie di pesco, momo in giapponese, adornano la superficie di questo bruciaprofumi cult. Per il suo grande valore simbolico, questo frutto caro ai giapponesi è un tema ricorrente della decorazione.
- Nel racconto popolare Kojiki, l'antico dio Izanagi-no-Mikoto mette in fuga il demone lanciandogli una pesca.
- Nell'omonimo racconto, il coraggioso Momotaro, un bambino nato in una pesca, riesce a sconfiggere gli spiriti maligni e salva gli abitanti del suo villaggio.
- Infine, il delizioso sapore della pesca le è valso il nome di "dono degli dei" in Giappone.

La fabbricazione di questo bruciaincenso segue i metodi della ceramica Arita. Realizzato in foglia d'oro su base rosso vermiglio, è un pezzo esclusivo di eccezionale raffinatezza. Riempilo con cenere di riso in modo da poterci infilare i bastoncini di incenso giapponese. Non avendo supporto in bambù, bruciano completamente senza lasciare traccia.

A proposito di ceramiche Arita
La città di Arita nella prefettura di Saga è la culla della ceramica in Giappone. All'inizio del XVII secolo, un coreano di nome Ri Sampei si stabilì nella regione. Grazie alla padronanza dei forni ad alta temperatura e alla vicinanza di un giacimento di caolino, Ri Sampei riuscì a fabbricare ceramiche simili a quelle cinesi, ponendo così fine ad un monopolio di sette secoli. Molto popolari nel XVIII secolo, le ceramiche Arita furono ampiamente esportate in Europa e contribuirono alla prosperità della regione.